Il Canto delle sirene


Mostra  CIRCUITO OFF 2017

Lucca e la fotografia - 18 Novembre -3 Dicembre 2017

La sirena simbolizza i rischi dell’abbandono della retta via, a causa dell’ascolto del richiamo dei sensi, è metafora della necessità dell’uomo di deviare le proprie pulsioni o di contenerle .

Questo portfolio e’ una ricerca della seduzione, del rischio e l avventura , le mie immagini mitologiche e un po surreali rappresentano la mia visione di “Sirena”. Spesso mi sento come Odisseo che non fu attratto dalla soavita’ del loro suono , ma dal desiderio insaziabile di apprendere.


 

Dipinto di John William Waterhouse (Roma, 6 aprile 1849- Londra, 10 febbraio 1917) pittore britannico

Nell’antica tradizione greca e romana, le sirene era dotate di ali, di un volto seducente In alcune rappresentazioni esse hanno un corpo statuario, con seni ben fatti, fianchi espansi, cosce tornite che, a partire dal ginocchio, divenivano arti e zampe di volatile.

Nel Medioevo cristiano, probabilmente in seguito alla fusione di queste figure con miti analoghi provenienti dai mari dell’Europa settentrionale, le sirene non vennero rappresentate più con le ali e le zampe d’uccello, ma con la coda di pesce. Le sirene persero pertanto ali per mettere la pinna caudale.  Le sirene pisciformi furono scolpite nelle chiese romaniche, imprigionate dalla costruzione stessa, in molti casi costrette a sostenere, come capitelli, gli edifici. La pulsione primitiva veniva così catturata dalla pietra divina e finalizzata al bene.  La più ampia raffigurazione di sirene, nella pittura, si attesta però nel 1800 quando rappresentarono inequivocabilmente la donna fatale, irresistibile, che, in molti casi, persero persino la coda.


Il Portfolio e" realizzato da 10 immagini con :

 
 
 

La Mostra sara' disponibile presso :

Grigiosabbia via Chiasso Barletti N°26 LUCCA 

orari : 9:00-13:30  15:00 - 19:30